Torino-Napoli 1-3, le pagelle: primo tempo-show! Insigne straripante senza posizione. Verdi-Mertens, che intesa! Callejon indispensabile

0
184

Ospina 6 – Viene spiazzato sul rigore, per il resto è poco impegnato. Nel primo tempo ad un certo punto sembra volersi divertire anche lui e si concede un dribbling rischioso su Zaza.

Hysaj 6,5 – In affanno su un paio di sgroppate in zona esterna di Belotti, ma per il resto fa buona guardia ed è pulito nell’uscita difensiva. Con l’uscita di Luperto finisce la gara a sinistra lasciando la destra a Maksimovic.

Albiol 6,5- Limita bene Belotti e Zaza quando entra nel corpo a corpo. Poche sbavature, partita molto attenta ed è da sottolineare una bella chiusura su Rincon nel momento di massimo sforzo del Torino

Koulibaly 6,5 – Chiamato agli straordinari per arginare Belotti e se la cava con il solito strapotere fisico. Un pestone gli costa il giallo che lo condiziona abbastanza, ma la sua prova resta più che positiva.

Luperto 6 – All’esordio da titolare, alterna buone cose come il cross teso che porta al gol di Insigne e ad errori d’inesperienza come il fallo da rigore quando poteva temporeggiare. Si fa perdonare ampiamente immolandosi su Zaza che a botta sicura poteva siglare il 3-2, ma è costretto ad uscire (dal 74′ Maksimovic 6 – Una bella chiusura su Zaza pronto al tiro e tanta qualità nel giro-palla, senza farsi condizionare da circa 25mila fischi per il suo addio al Torino)

Callejon 6,5 – E’ diventato presto inamovibile anche per Ancelotti. Dal suo lato Hysaj soffre pochissimo con la sua copertura e accompagna l’azione sbagliando poco. Colpisce il palo che poi porta al 3-1. Al 92′ ha ancora forza per proporsi e provare a chiudere l’azione

Rog 6 – Prima da titolare con Ancelotti, dopo praticamente due anni da subentrante. Nella mediana a due si preoccupa di rispettare le consegne tattiche ed è meno istintivo. Non manca un giallo nel primo tempo che poi lo limita un po’ (dal 60′ Allan 6,5 – Entra ed inizia a mordere tutte le caviglia, recuperando palloni a ripetizione. Aver vinto concedendogli 60′ di riposo è un aspetto da non trascurare)

Hamsik 6,5 – Bella prova alla sua 400esima gara in A, ma soprattutto la n. 506 in azzurro, superando Juliano e lanciando l’assalto alle 511 del record-man Bruscolotti. Non più play classico, ma nel centrocampo a due non mancano le sue geometrie in una prova competa in entrambe le fasi e con alcune giocate d’alta scuola. In crescita fisica, al 90′ segue ancora l’azione per cercare il gol.

Verdi 7 – Pochi tocchi (appena 12 col 100% di precisione), ma con i suoi tagli verso il centro fa a fette la difesa del Torino. S’intende alla perfezione con Mertens ed è bellissimo il sinistro con cui batte Sirigu. Meno incisivo in fase di non possesso e Ancelotti lo richiama spesso (dal 54′ Zielinski 6,5 – Entra subito nel match con una percussione centrale e l’apertura per Callejon che colpisce il palo e propizia il 3-1)

Mertens 7 – Regala spettacolo nei primi 25′ negli scambi in velocità. Bellissima la palla di ritorno per Verdi per il 2-0, ma già in precedenza lo mette in porta con grande naturalezza. In grande crescita di condizione, fino al 95′ spinge le ripartenze e fa salire la squadra

Insigne 8 – Da seconda punta, senza particolari compiti difensivi, può sprigionare tutta la sua qualità e trascinare i compagni agendo su tutto il fronte offensivo. Eccezionale velocità d’esecuzione per sfruttare lo svarione di Moretti e portare il Napoli in vantaggio. Nel momento più difficile del match spegne la spinta del Torino ancora da opportunista sfruttando il palo di Callejon.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here