VIDEO – Cannavaro in conferenza: “Da napoletano non è stato facile, ma dal fischio d’inizio passa”

0
136

Fabio Cannavaro, allenatore dell’Udinese, nella sala stampa del Bluenergy Stadium ha analizzato il pareggio per 1-1 contro il Napoli.

Quanto vale questo punto?
“Gliel’ho detto dal primo giusto, devo allenarli e gestirli tutti, Davis non può fare una partita intera, Success è due partite che era inutilizzato, ho preferito quindi Brenner, poi è normale che le partite ti portano a fare altre cose, è un punto che ci dà tanto perché ci fa capire che dobbiamo continuare a lavorare così e migliorare nella gestione della palla, vuoi per il sistema, vuoi perchè abbiamo giocato contro due squadre che hanno il miglior possesso palla della A. Dobbiamo avere più coraggio e a tratti lo abbiamo avuto, il Napoli è venuto qui, ha giocato la sua partita gestendola in modo serio perdendo anche magari tempo alla fine. Siamo felici del punto perchè ci dà morale e consapevolezza”.

Può essere un momento svolta per mettersi alle spalle la paura?
“Ho visto le partite che questa squadra ha giocato in passato e sapete che paura c’era, non è facile toglierla in dieci giorni. Questo risultato è importante, oggi rispetto a Bologna mancavano tre titolari, più quelli che sono fuori. Tutti quelli che sono entrati hanno dato il loro, è un punto che può darci la consapevolezza per lavorare”.

Pereyra?
“Pereyra ha un problema al ginocchio che si porta dietro da tempo, correndo male ha sofferto un po’ nella zona degli adduttori in settimana e non l’ho rischiato”.

Success può rialzarsi grazie al gol?
“Ieri mattina l’ho chiamato in spogliatoio, l’altra volta non ha giocato, l’ho visto un po’ isolarsi dagli altri, gli ho detto che io sono così e che deve dare tutto perchè il momento sarebbe arrivato. Lucca è giovane e ha dovuto sostenere tutto il peso dell’attacco da solo, Davis ha avuto problemi, Brenner anche… ora dobbiamo continuare così”.

Il lavoro in attacco?
“Dobbiamo portare gente in attacco,non puoi sperare che un attaccante solo riesca a colpire, avere due attaccanti di peso può servire, anche un trequartista, Lobotka andava molto avanti e abbiamo provato ad attaccare quella zona”.

Buono l’impatto di Davis:
“Si vede che è giocatore d’altro livello, ha esperienza in campionati importanti. Purtroppo va gestito, ma meglio averlo che non, si è creato situazioni importanti da queste gare”.

E’ cambiata la marcatura sui piazzati:
“Sono cresciuto con la marcatura a uomo soprattutto sui piazzati, la mia statistica personale direi che non è male, pur con la mia struttura fisica. Ho cercato di cambiare e speriamo che il punto perso con la Roma speriamo non pesi, abbiamo recuperato oggi ma eravamo un po’ in credito dopo Bologna. Al di là di zona, mista, uomo però è importante l’attenzione, dobbiamo migliorare nella lucidità in alcuni tratti”.

Hai rischiato Success che era stato molto criticato:
“Non devo avere paura di usare i miei giocatori, servono tutti i quanti, so che è stato criticato molto. Speriamo di essere ancora in tempo, è un giocatore di cui ho bisogno, ha forza, qualità, sa raccordare i reparti. Non è facile, un mio allenatore importante mi ha mandato un messaggio dicendomi che è dura ma non è impossibile”.

Lecce di nuovo di lunedì? Recuperi qualcuno?
“Dobbiamo guardare solo a noi, a volte può essere un vantaggio altre no, recupero gli squalificati e Pereyra, spero in qualche regalo dallo staff medico ma non è facile”.

Emozioni nello sfidare il Napoli?
“Sapete che sono napoletano, non è mai facile giocare contro il Napoli ma sono emozioni che dopo il fischio d’inizio devono passare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here