Il giornalista di Canale 21 Umberto Chiariello ha commentato a caldo Napoli-Spal nel suo editoriale nel corso di Campania Sport“Il Napoli non si distrae e inanella il quinto successo consecutivo dell’era Gattuso, si può parlare di era perché ormai l’allenatore è al centro del progetto azzurro. Di contro c’è un’Atalanta che va a 2000, ma giovedì c’è la sfida con gli azzurri a Bergamo, anche se 12 punti di distacco sono tanti. Oggi però c’è la novità della Roma che perde malamente col Milan, ora è distante solo 3 punti dal Napoli. Gli azzurri dopo l’Atalanta avranno proprio la Roma, e quindi l’obiettivo quinto posto può essere possibile. Il rammarico per il girone d’andata disastroso è tantissimo perché questo Napoli è estremamente competitivo. Oggi turn-over, ma tutti hanno giocato per la squadra, anche quelli che se sanno di andar via. Molto romantico il gol di Callejon, doveva essere la sua ultima gara in maglia azzurra e invece ha allungato di due mesi la sua presenza a Napoli. Chissà se all’ultimo momento spunti anche un rinnovo di contratto per un altro anno, cosa davvero molto difficile. E’ un Napoli in spolvero, oggi si è visto Lobotka, assoluto padrone del centrocampo, un Fabiàn regale con due assist, Elmas peperino a tutto campo. Si è vista gente che si è calata nel progetto come Younes e Lozano. Il messicano, trasformato, è un giocatore che ha corsa e tecnica, peccato che ha dovuto buttare una stagione. E’ un Napoli solido e che diverte anche, che ha davanti quei due, Mertens e Insigne, che fanno la differenza. Queste sono partite per testare e per capire se è possibile l’impresa col Barcellona in Champions. Quando arrivò Gattuso mi scagliai contro la società, perché non c’era un progetto tecnico e perché il tecnico aveva un contratto di soli 6 mesi più un rinnovo non automatico di altri 12 mesi. La società ha risposto con in fatti e con il mercato di gennaio, si è mossa da subito anche per l’anno seguente e Gattuso, dopo gli errori iniziali ammessi anche da lui, ha cominciato a lavorare sulla testa e le gambe dei giocatori, dimostrando anche di essere un tecnico avveduto sul piano tattico e tecnico. Ha dimostrato che con la passione e il lavoro ti fai rispettare dalla gente e dai tuoi ragazzi, che vedendo ciò ti danno tutto. Concludo citando Confucio ‘Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno della tua vita’, credo che il Napoli adesso non stia lavorando ma si stia divertendo“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here