Dries Mertens ha parlato ai microfoni di Sky Sport dal ritiro di Dimaro: “Cosa serve per lo scudetto? Dobbiamo lavorare come stiamo facendo. Ho visto giocatori andare via ed altri arrivare in questi 6 anni, è stato fatto un gran cammino. Se guardo la Juve, però, hanno comprato Rabiot, De Ligt, Ramsey e Buffon… sono molto forti. Le altre squadre stanno comprando tanti giocatori, noi dobbiamo mettercela tutta e poi si vedrà”

Difficoltà coi tifosi con Insigne: Sta bene ed è tranquillo. Non gli devo dare consigli, qui ha la famiglia ed i bambini e vive molto in casa. Ui vado in giro spesso per Napoli e mi diverto ma lui in campo è importantissimo e la gente lo sa”.

Cosa può dare Sarri a Ronaldo? Nei tre anni qui mi ha dato una visione di calcio diverso. Alla Juve non so cosa possa fare, non sta a me parlare di Ronaldo che non ha bisogno di consigli. Strano vederlo alla Juve? Il calcio è così, ma a lui vorrò sempre bene perché ha dato sempre tutto per me. Non ho problemi con lui. Sicuramente sarà strano vederlo in bianconero…”.

Rinnovare col Napoli? “Vediamo, non lo so. Qui sto bene, mi sento ancora molto giovane. Come ho già detto sto pensando solo a questa stagione, poi vedremo”.

Battere il record di Hamsik? “Lo spero, sarebbe bello ed è un mio obiettivo”.

Come vivi l’affetto dei tifosi? “Ti senti bene quando la gente ti stima, mi fa molto piacere”.

Sei più Dries o più Ciro? “Oramai a Napoli sono conosciuto come Ciro (ride, ndr)”. 

Cosa ha portato l’arrivo di Manolas? “Mi piace molto in allenamento, è molto forte. Non va dimenticato però che abbiamo perso Albiol, uno forte e che ci ha davvero dato tanto”.

I tifosi vogliono un centravanti… “Per come giochiamo adesso non sono più un centravanti rispetto a come facevo con Sarri. Lo scorso anno hio giocato dietro la punta, quindi non credo sarebbe male se prendessimo un’atra prima punta. Are ha giocato tante gare lo scorso anno, non è un male se ci sono dei cambi”.

Conte, Sarri o Ancelotti? “Sulla carta la Juve ha la squadra pi forte, ma Ancelotti ha dato la sua mano alla squadra”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here