Proseguono i lavori allo stadio San Paolo per le Universiadi di luglio. E’ già partito il montaggio dei nuovi sediolini nell’anello inferiore (come da rendering ufficiale c’è una presenza di alcuni sediolini gialli per dare un senso di vivacità alle riprese tv) e da lunedì, dopo la gara con l’Inter, si potrà partire anche per l’anello superiore (che invece avrà solo tonalità d’azzurro). In attesa, nelle scorse settimane sono stati ultimati i lavori per gli impianti audio e di illuminazioni, definiti “autentici gioielli tecnologici di ultimissima generazione”. L’impianto sonoro, costato intorno ai 500.000 euro, assicurerà una potenza del suono di 1400 W per le tribune superiori e di 400 W per quelle inferiori. Ancora più performante l’impianto luci costato un milione e trecentomila euro: “Il sistema prevederà, tra le altre cose, il collegamento all’impianto audio per garantire un gioco sincronizzato di luci e suoni, con la facoltà di gestire autonomamente ogni singolo fascio di luci”.

Nei giorni scorsi sui lavori s’è espresso l’architetto Filomena Smiraglia, direttore dei lavori: “Quello sul San Paolo è un investimento che, unitamente all’installazione dei nuovi sediolini, farà del San Paolo uno degli stadi più moderni e funzionali d’Italia; sicuramente l’impianto pubblico più moderno e tecnologico. Audio e Luci saranno all’avanguardia avendo utilizzato materiali e tecnologie di ultimissima generazione. C’è da essere fieri per il lavoro svolto”.

Di seguito uno scatto tratto dalla pagina ‘lebombediVlad’

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here