Cesare Prandelli, tecnico del Genoa, ha parlato in conferenza stampa dallo stadio San Paolo dopo il pareggio col Napoli.

Sulla prova della squadra“Sono contento per i ragazzi, hanno dimostrato di essere determinazione, carattere, ma anche di saper leggere la gara. Stiamo lavorando tanto, hanno fatto bene. Dispiace perché a parità numerica sapevamo come mettere in difficoltà questa grande squadra, con Pandev in una zona dove non riuscivano ad accorciare. Poi in 10 devi avere anche fortuna, hanno avuto tante occasioni, ma anche noi delle opportunità. Nonostante le difficoltà provavamo a ripartire”.

Sull’espulsione di Sturaro“Se tutti i falli col piede a martello sono da rosso, devono essere sanzionati tutti. Noi abbiamo subito un rosso per trattenuta, oggi in Udinese-Empoli la stessa cosa, col giallo”.

Sulla quota salvezza: “Non dobbiamo pensare ai punti, ma ad andare in campo per fare punti con questo atteggiamento. Dietro nessuno molla e dobbiamo stare sul pezzo”.

Sul derby: “Me lo chiedete da quando sono arrivato, sarà un’esperienza straordinaria. Dovremo arrivarci bene dal punto di vista delle pressioni”.

Quanto aiuta questa prova per allontanare la pressione da te e la squadra? “Ci saranno sempre, dovremo abituarci. Il nostro pubblico è generoso, capirà le nostre prestazioni. Dobbiamo pensare a noi, stiamo lavorando bene ed i ragazzi mi seguono, aggiungendo delle cose, cambiando diversi sistemi di gioco”.

Sul VAR e la diversità di giudizio. “E’ uno strumento meraviglioso, ma bisogna trovare uniformità. Se tutti i piedi a martello sono da rosso, va dato il rosso. A Roma c’era un rigore clamoroso su Pandev e l’arbitro non è stato neanche chiamato, ora invece vanno a vedere. Bisogna essere precisi. Su un angolo che non c’era noi abbiamo preso gol, al Sassuolo sono andati a rivedere l’azione sul gol”.

Quanto ha inciso l’Arsenal nella testa del Napoli? “Noi contavamo molto su questo aspetto, ma loro sono partiti bene. Se giochi fuori ritmo tra 4 giorni fai la stessa gara, ma loro sono partiti bene, non si aspettavano un Genoa che voleva farli correre. Tra 4 giorni avrà una testa e una determinazione maggiore”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here